banner

Anche in parlamento si parla della nostra lotta!

Ieri è stata pubblicata un’interrogazione parlamentare a firma del senatore Bartolomeo Pepe in merito alle vicende che ci vedono coinvolti a Bresso in contrapposizione alla cooperativa Seriana 2000.

Riportiamo l’intervento per intero (consultabile comunque qui) :

 

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-01858

Atto n. 3-01858

Pubblicato il 16 aprile 2015, nella seduta n. 432

PEPE – Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. –

Premesso che:

nella giornata del 15 aprile 2015, a Bresso (Milano), presso l’ente morale Pio XI “Casa dell’anziano”, in via Leonardo da Vinci, 26 alcuni lavoratori della “Pio XI” gestita in appalto dalla società “Seriana 2000” di Cesenatico protestavano effettuando un volantinaggio attraverso il quale l’interrogante è venuto a conoscenza del rifiuto da parte della Seriana 2000 ad intavolare trattative sindacali con il sindacato “Lavoro ambiente solidarietà”;

notizie di stampa riportano: “Ferie soltanto a singhiozzo, e scatti di anzianità bloccati”, “Lavoratori in rivolta presso la RSA, Bresso”, “Sciopero alla Pio IX”;

le accuse dei lavoratori sono gravi: denunciano una condotta padronale, turni non sempre rispettosi dei contratti, frequenti e repentini cambi di orario, contestazioni disciplinari pretestuose, la pretesa di ordinare i corsi antincendio in maniera che fossero seguiti dopo l’orario di lavoro retribuito per ulteriori 4 ore non retribuite, la mancata convocazione del sindacato “Lavoro ambiente solidarietà”, primo sindacato per numero di iscritti. L’intenzione dichiarata dai lavoratori è quella di poter discutere degli scatti di anzianità, dicono illegittimamente depennati dalle buste paga; dell’organizzazione e del carico di lavoro, delle modalità con cui vengono assegnati i turni e delle ferie: richieste che ci appaiono ragionevoli ed importanti per tutti i lavoratori di questo Paese; la stessa Prefettura si è attivata per tentare di ricomporre il conflitto con una conciliazione che, a quanto pare, non ha dato risultati; considerato che:
la Costituzione italiana prevede la libertà di associazione sindacale e lo statuto dei lavoratori, legge n. 300 del 1970, consente a tutti i sindacati presenti in ogni attività produttiva di svolgere attività sindacale;
ciò nonostante, la società cooperativa Seriana 2000 rifiuta qualsiasi confronto impedendo nei fatti l’esercizio della libertà e dell’attività sindacale, si chiede di sapere:

se i fatti riportati corrispondano al vero ed in particolare se Seriana 2000 ottemperi alla legge n. 300 del 1970 e sia il caso di inviare ispettori ministeriali presso l’ente morale “Pio XI” Casa dell’anziano di Bresso al fine di una puntuale verifica dei fatti;

se il Ministro in indirizzo ritenga che debbano essere salvaguardate le prescrizioni di cui alla legge n. 300 del 1970 sulla tutela dei lavoratori dipendenti, e in particolare, qualora si riscontrassero eventuali violazioni dei diritti dei lavoratori della cooperativa Seriana 2000, se ritenga di dover intervenire quale garante e promotore di un’auspicabile trattativa tra le parti.


About Admin